Informazioni

La Reflessologia Olistica

 

La parola olismo  deriva dal greco holos (intero, tutto), da una radice indo-europea affine al latino salvus (salvo) e salus  (salute) e all’inglese whole (insieme, totalità). E’ sinonimo di globale, completo e  può essere inteso come l’opposto di parziale, settoriale, riduzionistico. Il vocabolo inglese holy(santo, sacro) deriva dalla stessa radice indo-europea. Il concetto di integrità,  globalità, è dunque affine, almeno etimologicamente,  a quello di completezza morale e spirituale.

Si guarda alla persona nella sua totalita’. Le sue componenti sono: il corpo fisico, l’aspetto emozionale, l’aspetto mentale e la parte spirituale,  la scintilla divina che è la nostra vera natura. Siamo un’anima dotata di un corpo e non un corpo dotato di un’anima. Questa entità così formata è cosciente di sé entra in relazione con il mondo esterno e con l’intero Universo in un divenire dinamico che ne condiziona lo stato di salute e di benessere.

Attraverso la stimolazione di specifici punti sul piede, la tecnica reflessologica agisce mandando dei segnali in aree del corpo, collegate a questi punti. Si tratta di segnali che viaggiano sulle vie nervose o lungo i canali energetici del corpo? Non lo sappiamo, non si ha un riscontro scientifico di quale sia il percorso dello stimolo riflesso.

Come avvengono i cambiamenti?

Ma e’ un dato oggettivo che nel corpo avvengano dei cambiamenti: si mettono in movimento i fluidi, si modifica la temperatura dei diversi distretti, tutto diventa più morbido, tonico e vivo, e insieme rilassato e caldo. Il corpo, sostanzialmente, si riequilibra. Dove prima erano presenti tensioni, blocchi, rigidità, la persona rileva elasticità , morbidezza e freschezza, mentre dove c’erano debolezza, mancanza di tono, stanchezza, freddo, insensibilità, subentrano vitalità e calore.

Secondo la riflessologia olistica la risposta alla pressione di una determinata area o punto può coincidere con un disequilibrio dell’organo corrispondente sia dal punto di vista fisiologico, sia da quello emozionale: ad esempio, un dolore sull’area dello stomaco potrebbe dare indicazioni sullo stato organico proprio dello stomaco, ma anche sulla condizione energetica ed emozionale a cui fa riferimento lo stomaco, cioè la capacità, da parte dell’essere umano, di accettare le esperienze.

Così l’intestino può indicare una difficoltà dell’organo, come anche  una difficoltà ad assimilare definitivamente le esperienze e lasciar andare quel che non è più utile.

La riflessologia olistica, inoltre, crea una fitta rete di collegamenti tra le varie sezioni anatomiche e funzioni fisiologiche, poiché, proprio perché olistica, ogni sezione e funzione viene influenzata, e a sua volta influenza, tutte le altre.

Come funziona la Reflessologia Plantare?

Il tutto viene accompagnato da una condizione di rilassamento e leggerezza che fanno sentire la persona più vicina al suo potenziale di salute.

Dove gli organi erano in iperfunzionalità arrivano gli stimoli per rallentare il loro lavoro, mentre dove erano in ipofunzionalità il corpo lavora per portare energia e vitalità.

L’operatore stimola gli organi del corpo, attraverso i piedi, e si affida con fiducia alla capacità del corpo di guarire e recuperare il suo livello di benessere.

Tutto quello che la persona sente durante la seduta di reflessologia, i flussi energetici in movimento nel corpo, i cambiamenti nella propria vitalità, nella temperatura, nell’umore e nei pensieri, sono i segnali di un processo di riequilibrio che coinvolge tutti i livelli della persona, dal suo corpo fisico al suo stato energetico. La reflessologia olistica è una disciplina che prende in considerazione i segnali del corpo, sia di dolore che di cambiamento, come il tentativo di ripristinare l’equilibrio andato perso.

Come lavora il Reflessologo?

In una seduta di reflessologia olistica l’operatore lavora in sintonia con la persona ricevente, indirizza la sua attenzione, collabora con lei per comprendere i segnali del corpo, e per orientare la sua energia  allo scioglimento dei blocchi e dei limiti che si presentano,  siano essi di tipo fisico,  emozionale o mentale. Il tutto nell’ottica di un benessere che coinvolga l’essere umano in tutte le sue manifestazioni  verso il raggiungimento del suo pieno potenziale.

La Reflessologia Plantare fornisce un valido aiuto. 

I trattamenti di Reflessologia possono essere usufruiti da tutti, sia bambini che adulti; siano essi appena nati  che in età avanzata. Le problematiche su cui si può intervenire sono molteplici; dall’ansia alla cattiva digestione, dal semplice raffreddore ai problemi oncologici. Si può intervenire anche sulle donne incinte, per migliorare quei fastidiosi disturbi che quasi tutte soffrono. Si può intervenire su chi fa sport, per migliorare le relative prestazioni e defaticare la muscolatura. Il campo di intervento è molto vasto e variegato. Tutti possono ottenere benefici di rilassatezza o di energia.

Chiedi informazioni, contattaci; noi ti risponderemo velocemente …..

Pin It on Pinterest